Mobile nav

Adriana Pincherle (Roma 1905 - Firenze 1996) e Onofrio Martinelli (Mola di Bari 1900 - Firenze 1966)

Adriana PincherleOnofrio Martinelli

Contenuto del Fondo: Dei circa tremila volumi presenti nella biblioteca di casa Pincherle - Martinelli, è stata ordinata e descritta solo la sezione “arti visive” ossia i libri e la documentazione d’arte: 1387 volumi separati e divisi in tre sezioni. Iniziando dal materiale biblografico relativo ad Adriana Pincherle (cataloghi di mostre, di aste, di premi, monografie che costituiscono la fonte certa per la conoscenza precisa dell’attività dell’artista), seguono le monografie su altri artisti, i cataloghi di musei, di mostre e di premi che testimoniano il lavoro artistico italiano dalla fine degli anni Quaranta agli anni Novanta. In calce una raccolta di periodici (sia di argomento artistico che letterario), fascicoli di enciclopedie e articoli di giornale. Si conservano anche piccoli carteggi indirizzati ai coniugi Martinelli relativi agli anni 1951-1972; segnaliamo i corrispondenti: Eugene Berman, Oscar e Raffaella Saccorotti, alcune gallerie fiorentine quali Pananti e Vigna Nuova. La corrispondenza è descritta in calce al lavoro di Serena Trinchero, con le trascrizioni del contenuto dei singoli pezzi. Presenti otto raccoglitori con immagini di opere di vari artisti, manifesti di mostre. Alle carte è aggregata una raccolta di opere d’arte: 57 dipinti ad olio, due tempere, 8 schizzi di Adriana Pincherle relativi agli anni dal 1947 al 1996 e rappresentativi di gran parte della sua produzione; 18 acquerelli del padre, Carlo Pincherle; 6 dipinti di Onofrio Martinelli (1942-1966), ed opere di altri artisti, tra cui segnaliamo una stampa a punta secca di Berthe Morisot.

Strumenti di ricerca: della biblioteca è stata ordinata e descritta (il catalogo – attualmente consultabile solo in sede – è il risultato della tesi di laurea di Serena Trinchero) la sezione dei libri e della documentazione d’arte; descrizione del materiale iconografico nel data base del Servizio Conservazione