Mobile nav

Cristina Campo (Vittoria Guerrini, Bologna 1923 - Roma 1977)

Firma Cristina Campo

Scrittrice, poetessa e traduttrice

Contenuto del Fondo: la documentazione raccolta su Cristina Campo è costituita innanzitutto dai carteggi indirizzati dalla scrittrice a Alessandro Spina e a Anna Bonetti, donati dai rispettivi destinatari; del primo nucleo fanno parte poco più di una settantina di documenti (tra le carte depositate manca una lettera andata smarrita, quella numerata – nella prima edizione a stampa – con il numero di LIV) pubblicati per la prima volta in Lettere a un amico lontano, Milano, Libri Scheiwiller, 1989 (una 2ª ed. accresciuta uscita nel 1998; l’intero epistolario – comprese le lettere di risposta di Spina – dato alle stampe in C. Campo, A. Spina, Carteggio, Brescia, Morcelliana, 2007, edizione di cui si conserva nel fondo una “copia di lavoro” con annotazioni manoscritte). Oltre alla corrispondenza a lui destinata, Alessandro Spina ha aggiunto copia di 2 lettere scritte dalla Campo a Margherita Pieracci Harwell, documentazione preparatoria a Il fiore è il nostro segno. Carteggio e poesie di Cristina Campo, Vanni Scheiwiller e William Carlos Williams (Milano, Libri Scheiwiller, 2001) e copia di una lettera scritta dalla Campo a Scheiwiller nel 1967 (lettera pubblicata su “Avvenire” nel 2010). Spina ha consegnato anche (aggiunte incrementate nel corso degli anni) altre tipologie di materiale: come una raccolta di testi (che si presentano sotto forma di dattiloscritto o di estratto a stampa, in fotocopia o in originale) con articoli, saggi, traduzioni e poesie a firma della Campo, libri e riviste con i quali è stata costituita una piccola sezione bibliografica dedicata alla Campo (vi si trovano testi a stampa – anche rari –, edizioni uscite all’estero con traduzioni di suoi libri, monografie recenti sulla sua opera) e una rassegna stampa (ritagli di giornale, estratti, fotocopie di articoli) con saggi e recensioni sulla scrittrice (la raccolta è costituita da poco più di un centinaio di documenti che ne documentano in qualche modo la fortuna quasi esclusivamente postuma: insieme a documenti sulla Campo è conservato anche materiale relativo a personaggi a lei vicini, come Elémire Zolla e Margherita Dalmati); fuori da quest’ultima sezione, ma in qualche modo rappresentano un’appendice all’apparato critico, sono una videocassetta con un documentario sulla Campo girato da Andrea Scorzoni e Luigi Boneschi e una musicassetta con la registrazione di una conferenza tenuta in memoria della scrittrice. Spina ha inoltre donato fotografie (stampe originali o copie) con ritratti della scrittrice e immagini della sua abitazione fiorentina. Della donazione di Anna Bonetti fanno invece parte 27 tra lettere, cartoline e biglietti, datati tra la prima metà degli anni ’50 e il 1965 e indirizzati da Cristina Campo a Anna Bonetti (dopo alcune brevi anticipazioni stralciate nella biografia della Campo – Belinda e il mostro. Vita segreta di Cristina Campo, Milano, Adelphi, 2002 –, il carteggio a Anna Bonetti è stato pubblicato in Cristina Campo, Il mio pensiero non vi lascia. Lettere a Gianfranco Draghi e ad altri amici del periodo fiorentino, a cura e con una nota di Margherita Pieracci Harwell, Milano, Adelphi, 2011); a questa sezione va aggiunto un altro documento epistolare (una lettera di Margherita Dalmati scritta nel 1969 a Anna Bonetti in cui si accenna alla comune amica) e il testo autografo di alcune poesie della Campo. I carteggi indirizzati a Anna Bonetti da Aldo Capitini e Fausto Pirandello sono conservati – in questo stesso Archivio – in una raccolta separata intestata personalmente al nome della pittrice.

Strumenti di ricerca: descrizione della raccolta integralmente ricercabile tra gli inventari on line, un inventario dattiloscritto (privo degli ultimi aggiornamenti) è scaricabile in formato pdf; la sezione bibliografica schedata nel catalogo on line della biblioteca del Gabinetto Vieusseux.