Mobile nav

Franco Cordelli (Roma 1943)

Firma Franco Cordelli

Contenuto del Fondo: 20 quaderni e 1 raccoglitore di carte che documentano la produzione narrativa, saggistica, teatrale e poetica di Cordelli; dei romanzi sono conservati i testimoni del libro di esordio, Procida pubblicato nel 1973, e poi di Le forze in campo (1979, 2010), I puri spiriti (1982), Pinkerton (1986), fino ai quaderni relativi a Guerre lontane (1990); dei testi saggistici e di critica letteraria sono presenti le versioni manoscritte di Partenze eroiche (1980) e dell’indagine-resoconto (sul ciclismo e sul nostro paese) de L’Italia di mattina (1990, 2ª ed. 2009 e 2014) e di Scipione l’italiano (1991); in un piccolo quaderno abbozzi dei dialoghi del testo teatrale Frère Jacques (1993), mentre le poesie – almeno in parte pubblicate nella raccolta Fuoco celeste (1976) – sono contenute in pagine manoscritte e dattiloscritte riunite insieme in un fascicolo-agenda. I quaderni sono tutti dello stesso formato e stile, scritti magari in entrambi i versi, fittamente annotati tra le maglie dei quadretti o con pagine lasciate bianche in attesa di sviluppi futuri, le copie presenti in archivio non è detto che rappresentino tutti gli esemplari serviti per licenziare un testo dato alle stampe, spesso contengono appunti relativi a più di un’opera o ad abbozzi di testi che non hanno preso forma o che si sono trasformati lungo la strada tortuosa dei percorsi creativi (i quaderni intitolati Corviale per esempio sono propedeutici al romanzo, pubblicato nel 1999, Un inchino a terra, il cui intreccio narrativo ruota intorno al noto insediamento urbanistico della periferia romana).

Strumenti di ricerca: elenco di consistenza disponibile in sala consultazione.