Mobile nav

Orazio Toschi (Lugo, Ravenna 1887 - Firenze 1972)

Firma Orazio Toschi

Contenuto del Fondo: la prima Serie del fondo è costituita dalla corrispondenza indirizzata a Toschi (e da sue minute di documenti epistolari), nel suo insieme rappresenta una fonte importante per la ricostruzione della carriera del pittore e per recuperare informazioni che riguardano più da vicino la sua sfera personale. Altri carteggi (che costituiscono la seconda Serie del fondo) sono quelli scambiati tra altri corrispondenti. La Serie degli scritti e delle pubblicazioni di Orazio Toschi comprende i testi critici del pittore romagnolo, che si presentano sotto forma di manoscritti, dattiloscritti, ritagli di giornale o monografie; questo materiale, dai contenuti molto eterogenei, risulta essere utile soprattutto per mettere a fuoco le posizioni di Toschi riguardo la pittura contemporanea, sistematizzate dall’artista in Pittura lirica (Fermo, Properzi, 1921, 2ª ed. Faenza, F.lli Lega, 1932) e in La vera via della pittura (presentazione di Giovanni Papini, Milano, Nuova Accademia editrice, 1960); sono presenti in questa sezione anche copie delle edizioni dei libri didattici dedicati da Toschi all’insegnamento del disegno nelle scuole. Della Serie degli scritti dei e sui familiari di Toschi fanno parte documenti appartenuti ai parenti del pittore e gli articoli che parlano di loro: si tratta di manoscritti, dattiloscritti, ritagli di giornale ecc. da cui si ricavano notizie sulla famiglia Toschi. La rassegna della letteratura critica su Toschi, con ritagli di giornale, articoli, libri e monografie, cataloghi di mostre, dattiloscritti con testi sul pittore costituisce la Serie E. Documenti personali e carte varie (Serie F) comprendono certificati, contratti di lavoro, fatture e ricevute, fotografie (personali o scattate in occasione di vernissage), tessere, materiale bibliografico (riviste, manifesti, inviti a mostre ecc.), libri di firme raccolte durante il corso di esposizioni, carte, appunti e elenchi di varia natura, articoli di giornale su altri artisti o intellettuali, quaderni con un diario personale degli anni 1968-1969. In una piccola sezione bibliografica (Serie G) si trovano libri e monografie su argomenti vari, riviste e bollettini d’arte. L’ultima sezione del fondo (Serie H) è composta da tre diverse sottoserie: I) una fototeca che rappresenta la produzione iconografica dell’artista dal 1906 al 1972 (nella maggior parte dei casi si tratta di fotografie, stampe su carta e lastre al bromuro d’argento, ma sono presenti anche altre tipologie di materiale); II) stampe di riproduzioni di opere d’arte dei maestri del passato; III) disegni, bozze e schizzi realizzati da Orazio Toschi (il materiale è servito in parte per le tavole che illustrano i libri che Toschi ha pubblicato a scopi didattici, o, in alternativa, si tratta di disegni con soggetti e tecniche varie).

Strumenti di ricerca: la descrizione del fondo interrogabile in un inventario scaricabile dalla rete in formato pdf e raggiungibile nella banca dati che risiede in una piattaforma on line. Descrizione delle opere della collezione d’arte nel data base del Servizio Conservazione.