Mobile nav

Archivio Eventi

Cerimonia in omaggio a Giovan Pietro Vieusseux

Data: 24 Settembre 2020 17:30

La Chiesa Evangelica Riformata Svizzera e il Gabinetto G.P. Vieusseux
sono lieti di invitare la S.V. alla cerimonia in omaggio a
Giovan Pietro Vieusseux
in occasione del bicentenario della fondazione
del Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux

Saluti

LUCA MILANI
Presidente del Consiglio Comunale
col Gonfalone della Città di Firenze

FRANCESCA PAOLETTI
Presidente della Chiesa Evangelica Riformata Svizzera

GLORIA MANGHETTI
Direttore del Gabinetto Vieusseux

Interventi

COSIMO CECCUTI
VALDO SPINI
JULIA BOLTON HOLLOWAY

Giovedì 24 settembre 2020, ore 17.30
Cimitero degli Inglesi
Firenze, Piazzale Donatello 38

INVITO

ANNULLATA - La cultura storica dell’Italia unita. Saggi e interventi critici

Data: 5 Marzo 2020 17:30
SIAMO SPIACENTI DI COMUNICARE CHE LA PRESENTAZIONE E' STATA ANNULLATA.
 
Federico Mazzei, Marcello Verga e Riccardo Saccenti
presentano il libro di Roberto Pertici
La cultura storica dell’Italia unita. Saggi e interventi critici
VIELLA
 

ANNULLATA - Il Portolano. Dedicato al Bicentenario della fondazione del Gabinetto Vieusseux

Data: 3 Marzo 2020 17:00
SIAMO SPIACENTI DI COMUNICARE CHE LA PRESENTAZIONE E' STATA ANNULLATA.
 
La S.V. è cordialmente invitata alla presentazione del n. 96-98 della rivista
 
Il Portolano
Periodico trimestrale di letteratura
dedicato al Bicentenario della fondazione del Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux
 
Saluto di
Gloria Manghetti
 
Partecipano
Francesco Gurrieri e Sandro Rogari
 

Omaggio a Mario Luzi a quindici anni dalla scomparsa

Data: 28 Febbraio 2020 17:00

il Consiglio celebra il grande poeta con una mostra sulla sua collezione di opere d’arte appena acquisita

da venerdì 28 febbraio a sabato 7 marzo 2020
galleria Covoni, palazzo del Pegaso, via Cavour 4, Firenze

programma

Questa piccola esposizione presso il Palazzo del Pegaso, un omaggio al grande poeta a 15 anni dalla scomparsa, progettata in stretta collaborazione scientifica con il Gabinetto Vieusseux, vuole essere non soltanto l’occasione per annunciare al pubblico l’acquisizione della collezione artistica, ma anche l’abbrivio di un percorso di conoscenza e valorizzazione che consentirà agli esperti di studiare gli stretti legami tra il materiale d’archivio, le edizioni dei componimenti poetici e letterari con le loro illustrazioni d’arte, i volumi della biblioteca costellati di appunti autografi e dediche, aprendo inedite tracce sulla vita e sui legami e le collaborazioni con gli intellettuali contemporanei di Luzi.
La selezione presentata in questa occasione ci restituisce tramite i blocchi di appunti, i quaderni la quotidianità degli oggetti, i semplici strumenti di produzione letteraria e di riflessione; i libri con dedica autografa degli scrittori più famosi del Novecento ci aiutano ad intessere il filo delle relazioni del grande poeta.
Della collezione di opere d’arte, si espongono una serie di sculture di ridotte dimensioni pressoché inedite e una selezione di opere figurative di piccolo formato.
A partire da oggi un patrimonio unico, ricco ed importante, viene messo a disposizione degli studiosi e degli appassionati al fine di avviare una nuova stagione di ricerca e di fruizione.

Comunicato stampa

 

2005-2020 Omaggio a Mario Luzi a quindici anni dalla scomparsa

Data: 28 Febbraio 2020 11:30

Il Presidente del Consiglio regionale della Toscana ha il piacere di invitarLa all’inaugurazione della mostra

2005-2020
Omaggio a Mario Luzi a quindici anni dalla scomparsa
Il Consiglio regionale celebra il grande poeta con l’acquisizione della sua collezione di opere d’arte

venerdì 28 febbraio 2020, ore 11.30
Sala Gonfalone, Palazzo del Pegaso
via Cavour 4, Firenze

Saluti
Eugenio Giani, Presidente del Consiglio regionale della Toscana
Intervengono
Andrea Pessina. Soprintendente Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per la Città metropolitana di Firenze e per le Province di Prato e Pistoia
Gloria Manghetti, Direttrice del Gabinetto Scientifico Letterario G. P. Vieusseux

La mostra proseguirà fino al 7 marzo 2020 con i seguenti orari: da lunedì a venerdì 10.00-12.00 e 15.00-19.00; sabato 10.00-12.00

L’accesso sarà consentito, previa esibizione di valido documento di identità, nei limiti dei posti previsti ai sensi della normativa in materia di sicurezza

LOCANDINA

ANNULLATA - Presentazione del libro di Corrado Pestelli, Ironia di naufragi. Serra, Panzini, Palazzeschi, Bazlen, Pratolini, Bilenchi

Data: 27 Febbraio 2020 17:30

SIAMO SPIACENTI DI COMUNICARE CHE LA PRESENTAZIONE E' STATA ANNULLATA.

Presentazione del libro di Corrado Pestelli, Ironia di naufragi. Serra, Panzini, Palazzeschi, Bazlen, Pratolini, Bilenchi (Franco Cesati Editore). Partecipano Marino Biondi e  Erika Bertelli

INVITO

CONFERENZA ANNULLATA - Presentazione del libro di Silvia Garinei, Costruire Nazioni. Questioni identitarie nell’arte e nella critica italiana e tedesca 1895-1915

Data: 25 Febbraio 2020 16:30

Per problemi organizzativi legati all'attuale emergenza la presentazione di questa sera è rinviata a data da stabilire

Francesca Castellani e Maria Grazia Messina
presentano
Costruire Nazioni. Questioni identitarie nell’arte e nella critica italiana e tedesca (1895-1915)
di Silvia Garinei
Campisano Editore
Saluto di Alessandro Nova

INVITO

Sergio Givone e Antonio Prete presentano Il celeste confine. Leopardi e il mito moderno dell’infinito

Data: 20 Febbraio 2020 17:30

Per il ciclo Dialoghi leopardiani, sulla soglia dell’infinito: Sergio Givone e Antonio Prete presentano Il celeste confine. Leopardi e il mito moderno dell’infinito (Marsilio) di Alberto Folin.  Introduce e coordina Gaspare Polizzi

INVITO

Conferenza di Alessandro Volpi: Quando Giovan Pietro Vieusseux faceva il mercante

Data: 18 Febbraio 2020 17:30

Bicentenario del Gabinetto Vieusseux: ciclo Sotto una buona stella. Giovan Pietro Vieusseux a Firenze. Conferenza di Alessandro Volpi: Quando Giovan Pietro Vieusseux faceva il mercante

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti

COMUNICATO STAMPA Ciclo Sotto una buona stella. Giovan Pietro Vieusseux a Firenze

BROCHURE CALENDARIO VIEUSSEUX 200 ANNI

Gruppo Quinto Alto: Peter Sloterdijk. Trasformazioni dell’esperienza

Data: 17 Febbraio 2020 17:00

Gruppo Quinto Alto: Peter Sloterdijk. Trasformazioni dell’esperienza. Interviene Bruno Accarino

Francesco Adorno. Un filosofo a Firenze

Data: 13 Febbraio 2020 18:00

Presentazione del libro di Aurora Adorno, Francesco Adorno. Un filosofo a Firenze (Diogene Multimedia). Partecipano Luca Guardabascio, Sergio Forconi, Patrizia Giusti, modera Luca Campostrini. Saluto di Sandro Rogari

INVITO

Giovan Pietro Vieusseux e il Risorgimento, con Cosimo Ceccuti

Data: 11 Febbraio 2020 17:30

Bicentenario del Gabinetto Vieusseux: Ciclo Sotto una buona stella. Giovan Pietro Vieusseux a Firenze
Giovan Pietro Vieusseux e il Risorgimento con Cosimo Ceccuti

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti

COMUNICATO STAMPA Ciclo Sotto una buona stella. Giovan Pietro Vieusseux a Firenze

BROCHURE CALENDARIO VIEUSSEUX 200 ANNI

#VieusseuxDieciparole - "Europa" con Ferruccio De Bortoli

Data: 8 Febbraio 2020 11:00

Bicentenario del Gabinetto Vieusseux: Ciclo #VieusseuxDieciparole
Leggere il nostro tempo attraverso 10 parole emblematiche della storia del Gabinetto Vieusseux. La parola Europa, con Ferruccio De Bortoli

Ingresso libero fino a esaurimento posti

COMUNICATO STAMPA Ciclo #VieusseuxDieciparole

BROCHURE CALENDARIO VIEUSSEUX 200 ANNI

Gruppo Quinto Alto: Il salario relativo come concetto politico

Data: 3 Febbraio 2020 17:00

Gruppo Quinto Alto: Il salario relativo come concetto politico. A partire da Marx. Interviene, con Adelino Zanini, Federico Chicchi

Il Vieusseux dei Vieusseux. Libri e lettori tra Otto e Novecento. 1820 – 1923

Data: 27 Gennaio 2020 17:00
Apertura al pubblico: 27 gennaio - 3 dicembre 2020
Accesso su appuntamento - scrivere a archivio@vieusseux.it
Orari: Lunedì, Martedì, dalle 10 alle 14 - Mercoledì e Giovedì dalle 10 alle 17
Con possibilità di aperture straordinarie e visite guidate
Curatela scientifica: Laura Desideri con la collaborazione di Francesco Conti
Coordinamento: Gloria Manghetti
La mostra e il catalogo sono stati realizzati con i contributi della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e del Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Bicentenario del Gabinetto G.P. Vieusseux.

INVITO

CARTOLINA MOSTRA

COMUNICATO STAMPA 200 ANNI

www.vieusseux.it/vieusseux-200-anni

Il 25 gennaio 2020, con l’inaugurazione a Palazzo Corsini Suarez della mostra Il Vieusseux dei Vieusseux. Libri e lettori tra Otto e Novecento. 1820 – 1923 a cura di Laura Desideri, con la collaborazione di Francesco Conti, partono le iniziative per celebrare i duecento anni di attività ininterrotta del Gabinetto Vieusseux, oggi diretto - ed è la prima volta nella sua storia - da due donne: Alba Donati, Presidente e Gloria Manghetti, Direttore.

La data non è scelta a caso: Giovan Pietro inaugura proprio il 25 gennaio 1820 il suo gabinetto di lettura, ben provvisto di giornali e riviste in lingua inglese, francese, italiana e tedesca, nel clima di grande prestigio nazionale e internazionale della Firenze di allora.

La mostra propone un percorso articolato, supportato da documenti originali e installazioni multimediali, attraverso le sale del Gabinetto Vieusseux nel suo primo secolo di attività, quando era uno “stabilimento” privato, gestito dalla famiglia Vieusseux, ma strettamente intrecciato con la storia di Firenze dell'Otto-Novecento.

Il fondatore Giovan Pietro (1819-1863), dotato di un indubbio talento di uomo d’affari, impianta un’impresa che è insieme mercantile e culturale, basata su un gabinetto di lettura e su un’attività editoriale orientata ad accordare in un’azione comune le forze sparse dell’intellettualità fiorentina e toscana. L’impresa passa poi al nipote Eugenio (1864-1892), a cui succede il figlio Carlo, direttore dal 1892 fino alla cessione al Credito Italiano (1919).
In mostra vengono ricostruiti tre ambienti che evocano sale e persone presenti nelle prime tre sedi: Palazzo Buondelmonti (1820-1873), Palazzo Feroni (1873-1898), Palazzo Vieusseux, via Vecchietti (1898-1923), con oggetti del tempo, quadri, foto di interni, piante, ma anche descrizioni rintracciate nelle lettere e nei diari dei frequentatori, oppure nei romanzi ambientati a Firenze, con riferimenti al Gabinetto come Indian summer di Howells del 1886.
I libri esposti sono scelti tra quelli pubblicati nelle fasce cronologiche delle tre sedi: una selezione di novità individuate tra le prime edizioni francesi, inglesi, tedesche, russe (oltre che italiane), a partire dall’edizione ‘ventisettana’ dei Promessi Sposi fino alla Recherche proustiana.

Ogni ambiente si popola di libri e lettori dell’epoca, ricostruendo alcuni episodi ormai leggendari, come la serata in onore di Giacomo Leopardi il 25 giugno 1827 - allora un giovane letterato - o quella del 3 settembre 1827 dedicata ad Alessandro Manzoni, che fu accolto da Vieusseux, Pietro Giordani, Giovan Battista Niccolini e dallo stesso Leopardi: tutto al secondo piano di Palazzo Buondelmonti, dove ogni settimana si svolgevano le celebri serate organizzate da Vieusseux e dal suo circolo.

Dal Libro dei soci e dai Libri del prestito riprodotti su touch screen si ricostruiscono ulteriormente le presenze eccellenti in città, le loro letture e preferenze, ad esempio Dostoevskij a Palazzo Buondelmonti, Gide a Palazzo Feroni, Bennett in via Vecchietti, per citare solo gli stranieri.

In mostra sono presenti anche le riviste pubblicate da Giovan Pietro in quarant'anni di lavoro: dall'Antologia, al Giornale agrario, alla Guida dell'educatore, all'Archivio storico italiano. E sempre al secondo piano di Palazzo Buondelmonti su un grande schermo si ripropongono le immagini del catalogo, accompagnate dalle musiche di Listz, Berlioz e Mascagni, anch’essi frequentatori del Gabinetto Vieusseux.

Per assecondare il gusto del pubblico e incrementare il prestito dei libri, Eugenio apre le porte di Palazzo Feroni alla cosiddetta letteratura amena, così entrano al Vieusseux numerosi “books for children” con le opere di Lewis Carroll e Louisa May Alcott, insieme ai “proto-gialli” di Poe, Collins e Dickens, presenti in mostra.
Come leggiamo nel Libro dei soci, al termine della Guerra di Secessione arrivano più numerosi gli americani: William Dean Howells, Henry James e Mark Twain per citarne solo alcuni.

Dopo la morte di Eugenio, nel 1892, il figlio Carlo si impegna nell'acquisto di un edificio in Via Vecchietti, dove il Gabinetto viene trasferito, nel 1898.

Già capitale d’Italia, Firenze arriva agli anni della Prima Guerra Mondiale con una nuova fisionomia, quella di un centro di cultura avanzato e brillante, dove trovano spazio anche le pubblicazioni dei giovani 'rivoluzionari', come il Leonardo di Papini e La voce di Prezzolini.

Ma il dato più rilevante degli anni di via Vecchietti è il numero degli abbonamenti femminili, che sorpassano quelli maschili, posizionandosi al 56-58% rispetto al totale delle iscrizioni. Le abbonate sono fiorentine e non fiorentine, aristocratiche, borghesi, insegnanti, traduttrici (Giulia Celenza e Eva Kühn Amendola), scrittrici (Ida Baccini e Amelia Rosselli), forestiere residenti in città (Vernon Lee), insieme a straniere di passaggio (Isadora Duncan e Gertrude Stein), fino a Letizia Schmitz Svevo, profuga da Trieste durante la Prima Guerra Mondiale.

Con la testimonianza della figlia di Svevo, ritornata al Vieusseux nel 1979, in occasione delle celebrazioni sveviane, si chiude il percorso del “Vieusseux dei Vieusseux”: le sue parole da frequentatrice di antica data testimoniano la trasformazione del Gabinetto Vieusseux nel secolo scorso: dalla costituzione dell’Ente morale di proprietà del Comune di Firenze (1925), all’arrivo a Palazzo Strozzi, nel 1940. La grande biblioteca circolante dei Vieusseux è diventata un importante centro culturale, che «irradia nel mondo» la sua singolare storia, unico gabinetto di lettura sopravvissuto in Europa, da sempre dedito alla promozione della lettura e, attraverso di essa, del progresso civile.

Ufficio stampa 200anniVieusseux
Tina Guiducci T. 335 7295264 | Erica Prous T. 347 1200420 | stampa.200vieusseux@gmail.com
Ufficio stampa Gabinetto G. P. Vieusseux Debora Ercoli T. 349 0907797 | d.ercoli@vieusseux.it

Apertura delle celebrazioni del bicentenario della fondazione del Gabinetto Vieusseux.

Con: Cristina Giachi, Alba Donati, Gloria Manghetti, Lina Bolzoni e Cosimo Ceccuti

Apertura delle celebrazioni del bicentenario della fondazione del Gabinetto Vieusseux.

Data: 25 Gennaio 2020 11:00

Cristina Giachi, Vicesindaca di Firenze

Alba Donati, Presidente del Gabinetto Vieusseux

Gloria Manghetti, Direttrice del Gabinetto Vieusseux

sono liete di invitarLa all'inaugurazione della mostra

IL VIEUSSEUX DEI VIEUSSEUX
Libri e lettori tra Otto e Novecento
1820-1923
a cura di Laura Desideri

Sabato 25 gennaio 2020 - ore 11
Palazzo Corsini Suarez
Via Maggio 42 - Firenze

Alla presenza e con il saluto di Dario Franceschini, Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, e interventi di Lina Bolzoni e Cosimo Ceccuti, Presidente del Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario della fondazione del Gabinetto G.P. Vieusseux

COMUNICATO STAMPA MOSTRA

INVITO

CARTOLINA MOSTRA

COMUNICATO STAMPA 200 ANNI

www.vieusseux.it/vieusseux-200-anni

Ibridazioni. Di alcuni motivi del postumano

Data: 20 Gennaio 2020 16:30

Gruppo di Quinto Alto:Ibridazioni. Di alcuni motivi del postumano. A cura di Orsola Rignani. Intervengono  Angela Balzano, Ubaldo Fadini, Francesca Ferrando, Chiara Montalti e Stefan Lorenz Sorgner

Una meravigliosa solitudine L'arte di leggere nell'Europa moderna

Data: 17 Gennaio 2020 18:00

Presentazione del libro di Lina Bolzoni, Una meravigliosa solitudine L'arte di leggere nell'Europa moderna (Einaudi) Intervengono con l'autrice Alba Donati e Stefano Salis

INVITO

Una conversazione a partire dai due Meridiani delle opere di Friedrich Hölderlin

Data: 16 Gennaio 2020 17:00

Hölderlin: Frammenti di futuro. Una conversazione a partire dai due Meridiani delle opere di Hölderlin curati da Luigi Reitani. Partecipa, con il curatore, Susanna MATI

Ingresso libero fino a esaurimento posti

Sul piacere che manca. Etica del desiderio e spirito del capitalismo

Data: 13 Gennaio 2020 17:00

Gruppo Quinto Alto: Una conversazione sul volume di Paolo Godani: Sul piacere che manca. Etica del desiderio e spirito del capitalismo, DeriveApprodi, 2019. Interviene, con l’autore, Ubaldo Fadini

Ciclo di incontri - Dialoghi leopardiani, sulla soglia dell’infinito

Data: 21 Novembre 2019 17:30


Firenze, Palazzo Strozzi, Sala Ferri – ore 17.30
Ingresso gratuito fino a esaurimento posti
 

Giovedì 21 novembre

Ascolta la conferenza

Roberto Barzanti e Stefano Brogi presentano Gli usi di Leopardi. Figure del leopardismo filosofico italiano (Manifestolibri) e Leopardi tra i filosofi. Spinoza, Vico, Kant, Nietzsche (La Scuola di Pitagora) di Massimiliano Biscuso.

Introduce e coordina Gaspare Polizzi

Giovedì 28 novembre

Ascolta la conferenza

Marco Dondero, Monica Pacini e Carlo Sisi presentano Lettere di Paolina Leopardi a Teresa Teja dai viaggi in Italia (1859-1869) (Olschki), a cura di Lorenzo Abbate e Laura Melosi.

Introduce Gloria Manghetti

Giovedì 5 dicembre

Ascolta la conferenza

Romana Bassi, Fabio Corvatta e Martina Piperno presentano Il corpo dell’idea. Immaginazione e linguaggio in Vico e Leopardi (Donzelli) a cura di Fabiana Cacciapuoti.

Introduce e coordina Gaspare Polizzi

Giovedì 20 febbraio

Ascolta la conferenza

Sergio Givone e Antonio Prete presentano Il celeste confine. Leopardi e il mito moderno dell'infinito (Marsilio) di Alberto Folin.

Introduce e coordina Gaspare Polizzi

Giovedì 12 marzo

Andrea Battistini, Luigi Dei, Antonio Di Meo e Pier Andrea Mandò presentano L'infinita scienza di Leopardi (Scienza Express) di Giuseppe Mussardo e Gaspare Polizzi.

Introduce e coordina Pietro Greco

Giovedì 19 marzo

Laura Barile, Novella Bellucci e Nicola Feo presentano l mappamondo di Giacomo Leopardi, l'antico oltre l'antico, un filosofo indiano, il sublime del qualunque. (Marsilio) di Gilberto Leonardi.

Introduce e coordina Gaspare Polizzi

Giovedì 2 aprile

Fabio Camilletti e Anna Dolfi presentano La caduta e il ritorno. Cinque movimenti dell’immaginario romantico leopardiano (Quodlibet) di Franco D’Intino.

Introduce e coordina Gaspare Polizzi

Giovedì 23 aprile

Fiorenza Ceragioli, Raoul Bruni e Valerio Camarotto presentano i numeri 11/2018 e 12/2019 della nuova serie della “Rivista Internazionale di Studi Leopardiani”, pubblicata da Franco Cesati, diretta da Patrizia Landi e Tatiana Crivelli.

Introduce e coordina Gaspare Polizzi

Giovedì 14 maggio

Nicola Feo e Christian Genetelli presentano l'edizione dei Canti (Guanda) curata da Luigi Blasucci.

Introduce e coordina Gaspare Polizzi

 

LOCANDINA