Mobile nav

Evento

"Giovanni Spadolini e l'eredità di Vieusseux" - Giornata di studi in diretta su YouTube

nell’ambito della mostra storico- documentaria “Antologia: un’agorà per l’Italia e per l’Europa”
Data: 8 ottobre 2021 alle ore 15:00
Luogo: Online su YouTube
Dettaglio:
GIOVANNI SPADOLINI e l’eredità di Vieusseux
Giornata di Studi nell’ambito della mostra storico- documentaria “Antologia: un’agorà per l’Italia e per l’Europa”
venerdì 8 ottobre 2021 ore 15.00
 
Fondazione Spadolini Nuova Antologia
 
IL CONVEGNO SARÀ TRASMESSO IN DIRETTA LIVE YOUTUBE AL SEGUENTE LINK: https://youtu.be/V0msLJgBBM4
 
PROGRAMMA
Giovanni Spadolini e l’eredità di Vieusseux
Cosimo Ceccuti, Introduzione
"I maestri di una vita, Gobetti e Vieusseux"
 
Gloria Manghetti
"Il Gabinetto Vieusseux di Giovanni Spadolini fra tradizione e modernità"
 
Paolo Bagnoli
"Nuova Antologia erede dell’Antologia di Vieusseux"
 
Gabriele Paolini
"Il Centro di Studi sulla Civiltà Toscana fra ‘800 e ‘900"
 
Sandro Rogari
"Il mondo del Vieusseux nella Firenze delle Opere Illustrate"
 
Conclusioni
 
GIORNATA DI STUDI
GIOVANNI SPADOLINI E L’EREDITÀ DI VIEUSSEUX
 
Promossa dalla Fondazione Spadolini Nuova Antologia e dal Gabinetto G.P. Vieusseux nell’ambito delle celebrazioni dei 200 anni del Gabinetto Scientifico e Letterario.
 
La giornata di studi intende ricostruire il contributo recato da Giovanni Spadolini, nel suo intero percorso di studioso e uomo di cultura, alla conoscenza e valorizzazione della figura e dell’opera di Giampietro Vieusseux, del Gabinetto Scientifico e Letterario, della rivista Antologia e delle altre molteplici attività dell’antico commerciante di Oneglia nella Firenze del suo tempo.
Puntuale anno di riferimento nel percorso dello storico fiorentino è il 1978. In occasione del Bicentenario della nascita di Vieusseux, Spadolini – che aveva lasciato da due anni la guida del Ministero per i Beni Culturali da lui stesso fondato – tenne una lezione magistrale all’Accademia dei Lincei. Nello stesso anno dette avvio alla nuova serie trimestrale di Nuova Antologia, erede della originaria Antologia, salvata dalla possibile chiusura dovuta alla crisi dei periodici di cultura della seconda metà
degli anni Settanta.
Nel corso della giornata di studi ci si soffermerà fra l’altro sulle opere storiche di Spadolini dedicate a Vieusseux e al suo tempo (in particolare Firenze fra Vieusseux e Ricasoli, L’idea d’Europa fra Illuminismo e Romanticismo e La Firenze di Gino Capponi); sulla sua attenzione al Gabinetto Scientifico e ai suoi direttori, Eugenio Montale e Alessandro Bonsanti, cui fu legato da intensa personale amicizia.
Un ponte fra l’Italia e la Svizzera fu inoltre rappresentato dal Premio Internazionale Nuova Antologia, biennale, promosso dai Comuni di Lugano e Campione d’Italia, che nelle successive edizioni, ha conferito riconoscimenti a personalità di prestigio e giovani studiosi nelle discipline trattate dai periodici di Vieusseux (lettere, scienze ed arti) in sua memoria.
Fondamentale è stata la costituzione da parte di Giovanni Spadolini nel 1992 del Centro di Studi sulla Civiltà Toscana fra ‘800 e ‘900, attivo tutt’oggi, costituito in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze per la ricerca e pubblicazione delle fonti (corrispondenze, memorie, diari) di Vieusseux e dei personaggi del suo Circolo. In questo progetto che alimenta borse di studio e assegni di ricerca si collocano le avvenute pubblicazioni dei monumentali carteggi di Vieusseux con Gino Capponi, Cosimo Ridolfi, Niccolò Tommaseo, Raffaello Lambruschini ed altri ancora.