Mobile nav

Aldo Neppi Modona (Firenze 1895 - 1985)

Firma Aldo Neppi Modona

Contenuto del Fondo: carteggi indirizzati a Aldo Neppi Modona da circa 600 corrispondenti, documentano in particolare i legami epistolari che lo studioso e docente universitario ha intrattenuto con esponenti del mondo accademico e della ricerca archeologica oltre a testimoniare i contatti scambiati con membri delle comunità ebraiche italiane e internazionali; si conserva anche un fascicolo di corrispondenze indirizzate al figlio di Aldo, Leo Neppi Modona. I testi di Aldo Neppi Modona si presentano sotto forma di dattiloscritti e manoscritti (ai quali si affianca materiale eterogeneo come documentazione accademico-amministrativa, curriculum, diplomi) o si trovano conservati tra il materiale bibliografico, che comprende riviste, estratti, opuscoli con scritti a stampa (saggi, recensioni ecc.) di Aldo Neppi Modona, insieme a ritagli di giornale (spesso riuniti in buste ordinate monograficamente per soggetto), giornali e opuscoli di argomento vario, opuscoli e stampati a firma di altri autori. Si conserva inoltre una piccola raccolta di fotografie: alcune documentano missioni o reperti archeologici, altre sono immagini personali e ritratti vari. Una raccolta di materiali dell’avvocato Leone Neppi Modona, comprende volumi, opuscoli e stampati appartenuti al padre di Aldo, documentazione relativa alla sua carriera universitaria e altro materiale su di lui. Una consistente documentazione in pratica costituisce un vero e proprio archivio istituzionale relativo alla storia dell’“Amicizia ebraico cristiana”, l’associazione fondata da Aldo Neppi Modona insieme a Angiolo Orvieto, con corrispondenza e materiale vario diviso cronologicamente per anno, dal 1950 al 1981, opuscoli, volumi, rassegna stampa e una raccolta di fascicoli del “Bollettino dell’Amicizia ebraico cristiana”. Un piccolo archivio aggregato è quello costituito dalla documentazione relativa all’attività di Eugenio Ambron, un banchiere imparentato con la famiglia Neppi Modona.

Strumenti di ricerca: disponibile in sala consultazione un inventario di consistenza dell’intero fondo, un elenco dei corrispondenti è invece scaricabile dalla rete in formato pdf.