Mobile nav

Pietro Pancrazi (Cortona 1893 - Firenze 1952)

Pietro Pancrazi

Contenuto del fondo: l’archivio è composto per larga parte da lettere ricevute da Pancrazi tra il 1915 ed il 1952 con rare eccezioni; si tratta di circa 7000 pezzi, comprese le fotocopie e le trascrizioni delle lettere del critico, ottenute attraverso lo scambio. L’appartenenza di Pancrazi a molteplici ambiti culturali è testimoniata anche dai carteggi scambiati con il mondo editoriale: quotidiani (tra tutti citiamo la trentennale collaborazione al “Corriere della Sera”), riviste (quali “Pègaso” redatta con Ojetti, “La Voce”, “Il Ponte”) e case editrici. I “manoscritti” riguardano per la maggior parte l’attività giornalistica di Pancrazi, con allegata documentazione di lavoro per la stesura dei vari articoli, elzeviri o recensioni. Testimoniata anche l’intertestualità nell’opera del critico, spesso infatti i ritagli allegati ai manoscritti recano correzioni autografe in vista della raccolta in volume, come Ragguagli di Parnaso (1920) in cui confluirono le collaborazioni a “Il Resto del Carlino”. Per quanto riguarda la prosa non giornalistica, segnaliamo la presenza di scritti giovanili, quaderni scolastici, il manoscritto di Donne e buoi de’ paesi tuoi (1934), in cui sono raccolti 16 fogli di via, ossia note di viaggio, e le bozze di stampa di Esopo moderno (1930). Infine segnaliamo che si conservano autografi di altri autori: 18 lettere autografe di Carducci ad Annie Vivanti, pubblicate in Un amoroso incontro della fine ottocento (1951), 26 di Pascoli a Gargano, 1 di D’Annunzio a Pascoli. Tra la rassegna stampa si conserva una ricca collezione di ritagli di e su Pancrazi, in particolar modo relativi alla collaborazione con il “Corriere della Sera” per gli anni 1926-1952, tra cui numerosi presentano correzioni autografe. Completa il fondo una raccolta di fotografie (di natura familiarie e ritratti con amici letterati) e documenti di carattere biografico, legale o amministrativo, come ricevute e diplomi, tra cui segnaliamo la nomina ad Accademico dei Lincei.

Strumenti di ricerca: descrizione dell’intero Fondo ricercabile tra gli inventari on line.