Avviso pubblico di mobilità per la copertura a tempo pieno e indeterminato di n° 1 “Funzionario Amministrativo” (Area dei Funzionari e dell’Elevata Qualificazione), mediante passaggio diretto tra amministrazioni ai sensi dell’art. 30 del D. Lgs. n. 165/2001

Più risultati

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Enrico Mayer

Firma Enrico Mayer

Contenuto del Fondo: tra le corrispondenze che si conservano nel fondo, il blocco principale è costituito dal carteggio indirizzato da Carlo Torrigiani a Enrico Mayer: questa corrispondenza abbraccia gli anni compresi tra il 1834 e il 1849, i temi toccati vertono per lo più sui problemi dell’educazione e delle scuole del Granducato, nonché sulla situazione culturale fiorentina, con vari riferimenti all’attività del Gabinetto Vieusseux; tra gli altri documenti epistolari si trovano una missiva di Mayer a Giovan Pietro Vieusseux (1840) e una lettera di quest’ultimo destinata all’amico e collaboratore, 12 lettere (datate tra il 1822 e il 1859) di Mayer ad Angelica Palli (nota per la sua attività di improvvisatrice di poesie e tragedie), alcune missive indirizzate a Mayer da G. Torrigiani (1842), una minuta di una lettera a Celso Marzucchi (1848) e una lettera di Mayer forse destinata a Cosimo Ridolfi (1847). Altre tipologie documentarie chiamano in causa note e appunti di Enrico Mayer, tra cui un abbozzo di un suo scritto sui Promessi sposi, una statistica sulle scuole livornesi di mutuo insegnamento, un testo manoscritto che fa il bilancio dell’“Antologia” (la rivista di Giovan Pietro Vieusseux a cui ha collaborato) e di tutta una stagione di ‘riformismo’ (e questo testo si trova vicino alle bozze e alle prove di stampa del proemio – firmato dal direttore – al numero del gennaio 1833 dell’“Antologia”, fascicolo che doveva inaugurare la tredicesima annata della rivista e che invece, sequestrato dalla censura granducale, ne segnò la soppressione); chiudono la raccolta alcuni testi a stampa: una copia – con dedica e una lettera autografa dell’autore indirizzata a Mayer – dell’edizione dei Versi di Giuseppe Giusti pubblicata a Livorno nel 1844, e un libretto dove sono rilegati un testo di Enrico Mayer (Eroismo e beneficenza del popolo, Bologna, 1838) e un opuscolo intitolato Del Galileo e della madre educatrice del professor Emilio Demi di Francesco Silvio Orlandini (Livorno, 1838).

Strumenti di ricerca: inventario (qui manca la descrizione dell’ultima unità, la n° 19, che comprende alcuni testi a stampa) scaricabile dalla rete in formato pdf, la descrizione archivistica completa riconvertita anche tra gli inventari on line (dove sono visualizzabili le immagini dei documenti digitalizzati).