Mobile nav

Karl Hillebrand (Giessen 1829 - Firenze 1884), donazione Wolfram Mauser

Firma Karl Hillebrand

Contenuto del Fondo: le carte Hillebrand sono state depositate in archivio da Wolfram Mauser in due occasioni: nel 1984, anno in cui si è celebrato la ricorrenza del centenario della morte di Hillebrand con l’allestimento di una mostra documentaria (Karl Hillebrand, Firenze, 2-19 novembre 1984, mostra di documenti a cura di Lucia Borghese, Firenze, Mori, 1984) e l’organizzazione di un seminario di studi (Karl Hillebrand. Eretico d’Europa, 1-2 novembre 1984, atti del seminario a cura di Lucia Borghese, Firenze, Olschki, 1986) e nel 2010. Ne fanno innanzitutto parte i carteggi ricevuti da Hillebrand (si contano poco meno di 70 corrispondenti per un numero complessivo di documenti che supera di poco le 100 unità); alla corrispondenza a lui destinata si aggiungono documenti epistolari scritti invece di suo pugno: alcuni indirizzati all’amico Adolf von Hildebrand e uno destinato a un altro corrispondente. Segue la piccola rassegna epistolare della moglie di Karl, Jessie Hillebrand Taylor Laussot, fatta da poco più di una trentina di documenti scritti da 23 mittenti; ai carteggi indirizzati a Jessie si aggiunge la testimonianza di uno scritto da lei, quello inviato a Adolf von Hildebrand. Il prof. Mauser ha consegnato anche altri tipi di documento: un quaderno con il diario scritto da Hillebrand in occasione del suo primo viaggio in Italia nell’autunno 1860, un altro diario stilato in Francia tra il 1881 e il 1882, alcuni documenti personali (tra cui il testamento di Jessie Hillebrand e la partecipazione al loro matrimonio), ritagli a stampa vari (come copie di articoli scritti per il “Times” nel 1870), fotografie d’epoca che ritraggono Karl Hillebrand, sua moglie e Hans von Bülow, cartoline con illustrazioni del suo monumento funebre e della sua residenza, insieme a negativi e stampe di fotografie scattate nel 1959 dallo stesso Mauser (documentano l’abitazione fiorentina di Hillebrand – nell’attuale Lungarno Vespucci –, la sua tomba al cimitero evangelico degli Allori e altri luoghi hillebrandiani della città). Ai documenti depositati da Mauser si affiancano le copie di alcune corrispondenze recuperate in occasione della mostra del 1984 e provenienti da vari istituti che avevano collaborato all’esposizione: in questa circostanza sono giunte in archivio testimonianze da 12 carteggi (per una quarantina di documenti in totale) indirizzati da Hillebrand ad altrettanti destinatari.

Strumenti di ricerca: descrizione dell’intero Fondo ricercabile tra gli inventari on line; indice dattiloscritto dei corrispondenti (elenca sia i carteggi indirizzati a Hillebrand depositati da Wolfram Mauser che quelli di Hillebrand a vari destinatari recuperati da altri archivi) scaricabile in formato pdf.