Avviso pubblico di mobilità per la copertura a tempo pieno e indeterminato di n° 1 “Funzionario Amministrativo” (Area dei Funzionari e dell’Elevata Qualificazione), mediante passaggio diretto tra amministrazioni ai sensi dell’art. 30 del D. Lgs. n. 165/2001

Più risultati

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

“E tutto schedare in archivio”: Silvio Branzi e la costruzione di un fondo di critica d’arte

18 Aprile @ 15:00 -19:00

Locandina giornata silvio branzi

Locandina

Comunicato stampa

 “E tutto schedare in archivio”: Silvio Branzi e la costruzione di un fondo di critica d’arte

Firenze, Palazzo Strozzi, giovedì 18 aprile 2024

Ore 15:00 – 19:00

Giovedì 18 aprile 2024 vengono presentati a Palazzo Strozzi i risultati del progetto “La ricomposizione di un archivio. Il caso Silvio Branzi dalla carta alla rete”, promosso dall’Archivio del ’900 del Mart di Rovereto e dall’Archivio contemporaneo “Alessandro Bonsanti” del Gabinetto Vieusseux di Firenze.

L’Archivio Silvio Branzi

14.000 “voci”: nomi di artisti, movimenti, eventi, luoghi e musei; e poi ancora nomi di critici d’arte, collezionisti, galleristi. Sono intestazioni di buste e cartelle, che contengono articoli a stampa, inviti e locandine, riproduzioni di opere, fotografie, appunti e corrispondenze.

Di queste 14.000 voci è composto l’archivio professionale di Silvio Branzi: i materiali raccolti gli furono indispensabili nel corso di una lunga carriera professionale.

Nato a Vermiglio in provincia di Trento nel 1899, Branzi è stato giornalista, critico d’arte e scrittore; ha lavorato per il quotidiano veneziano “Il Gazzettino” e ha collaborato con molte riviste, fra cui “La Fiera letteraria”, “Convivium”, “l’Osservatore politico letterario”, “Arte Veneta”.

Alla sua morte, nel 1976, la sorella Anita destinò la parte principale dell’archivio al Gabinetto G.P. Vieusseux di Firenze, allora diretto da Alessandro Bonsanti, che aveva costituito da poco l’Archivio contemporaneo; al Comune di Trento vennero invece donate la fototeca e la biblioteca, che appartengono al patrimonio del Mart fin dalla sua istituzione.

L’archivio di Branzi risultava fino ad ora corredato da uno scarno elenco dei nomi: è consultabile oggi grazie a un inventario unificato, che permette di conoscere le consistenze delle singole buste, con la descrizione della documentazione contenuta.

Il fondo nella sua interezza comprende i materiali librari, una biblioteca di oltre 6.000 titoli, ormai completamente schedata grazie alla catalogazione di 1.000 nuovi opuscoli.

Documenti editi e inediti sono resi disponibili per ricerche aperte in tante direzioni. Branzi è critico militante; dà sostegno a una serie di artisti emergenti; conosce l’ambiente veneziano; scrive approfonditi resoconti sulle Biennali; fornisce aggiornamenti su mostre, pubblicazioni, convegni, che hanno segnato la storia dell’arte italiana fra primo e secondo Novecento. Emerge inoltre dalle sue carte la rete di contatti con i colleghi, con esimi studiosi, con docenti e direttori di istituti.

Circa 800 voci confluiscono in un portale dedicato di Internet Archive: qui si possono consultare e sfogliare più di 10.000 immagini digitali dell’Archivio Silvio Branzi, scansionate da Benedetta Gallerini e messe in rete da Giorgio Commini.

Tutto ciò è stato possibile grazie a un progetto – iniziato nell’autunno del 2022 e conclusosi in questi giorni – che si è avvalso del contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

Il lavoro di digitalizzazione delle carte è stato finanziato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Gli esiti del lavoro vengono presentati a Firenze nella suggestiva sede di Palazzo Strozzi.

Ne parlano Fabio Desideri per l’Archivio Bonsanti, Mariarosa Mariech e Duccio Dogheria per il Mart, la storica dell’arte Lucia Mannini e le giovani studiose che si sono occupate da vicino della descrizione del fondo Silvio Branzi e della scelta dei materiali da digitalizzare: Chiara Grazzini e Olimpia Di Domenico.

Portano i saluti il direttore del Gabinetto G.P. Vieusseux Michele Rossi, e Fabio Bazzanella della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto; coordinano l’evento Gloria Manghetti, presidente della Fondazione Primo Conti, e Paola Pettenella, responsabile degli archivi storici del Mart.

PROGRAMMA

Saluti istituzionali
MICHELE ROSSI, Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux
FABIO BAZZANELLA, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto

Presentazione del progetto
“La ricomposizione di un archivio. Il caso Silvio Branzi dalla carta alla rete”
GLORIA MANGHETTI, PAOLA PETTENELLA

Interventi
FABIO DESIDERI
Le carte. Il Fondo Branzi al Gabinetto Vieusseux
MARIAROSA MARIECH
I libri. La biblioteca di Silvio Branzi al Mart
LUCIA MANNINI
Branzi e de Pisis, non solo “polemica”.
Pensiero critico e metodo di Branzi dalle carte del suo archivio
OLIMPIA DI DOMENICO
Fotografie dal Fondo Branzi: ritratti, allestimenti museali e atelier d’artista
CHIARA GRAZZINI
Opuscoli e locandine: i materiali delle mostre nel Fondo Silvio Branzi
DUCCIO DOGHERIA
L’archivio Silvio Branzi su Internet Archive

 

Dettagli

Data:
18 Aprile
Ora:
15:00 -19:00
Categoria Evento:

Luogo

Palazzo Strozzi, Sala Ferri
Piazza degli Strozzi snc
Firenze, Firenze 50123 Italia
+ Google Maps
Phone
055288342

Organizzatore

Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux
Phone
055288342
Email
manifestazioni@vieusseux.it