Avviso pubblico di mobilità per la copertura a tempo pieno e indeterminato di n° 1 “Funzionario Amministrativo” (Area dei Funzionari e dell’Elevata Qualificazione), mediante passaggio diretto tra amministrazioni ai sensi dell’art. 30 del D. Lgs. n. 165/2001

Più risultati

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Racconti e incontri con gli autori

Donne di troppo. Per un’educazione sentimentale

Cosa significa amare? Il Gabinetto Scientifico Letterario Vieusseux, seguendo la sua originaria natura di spazio culturale aperto al confronto e alla riflessione su temi di attualità, realizza il ciclo di incontri “Donne di troppo. Per un’educazione sentimentale”. A parlarne, con un racconto che parte dai loro libri più recenti e non, saranno Vittorio Lingiardi, Michela Marzano, Elisabetta Moro, Marino Niola e la giovanissima Rokia.

“L’intento – spiega Michele Rossi, direttore del Gabinetto Scientifico Letterario Vieusseux – dopo i cruenti fatti di cronaca e femminicidi avvenuti in Italia, è di coinvolgere in una serie di incontri filosofi, scienziati e scrittori, con la finalità di sottolineare l’importanza dell’alfabetizzazione sentimentale. Perché i sentimenti non li abbiamo per natura, ma si imparano, non sono un fenomeno naturale ma un fenomeno culturale”.

La rassegna, composta da quattro appuntamenti, si apre giovedì primo febbraio con gli antropologi Elisabetta Moro e Marino Niola, autori del saggio “Baciarsi” (Einaudi, 2021), un testo accattivante e suggestivo dove propongono una messa a fuoco del bacio, quello sciocchio di labbra che a partire dalla preistoria ad oggi attraversa tanti significati: politici e sociali, reazionari o rivoluzionari, inclusivi o esclusivi.

Venerdì 16 febbraio lo psichiatra e psicoanalista Vittorio Lingiardi ci racconta il narcisismo, a partire dal suo libro “Arcipelago N” (Einaudi, 2021) dove scrive: “Il narcisismo abita i nostri amori e tutte le relazioni. Può essere fragile o contundente. Finché cerchiamo di rinchiuderlo in una definizione, non lo capiremo. Occorre una bussola psichica per navigare nei mari insidiosi della stima di sé, tra isole che si chiamano Insicurezza, Egocentrismo, Rabbia, Invidia, Vergogna”.

Giovedì 7 marzo la filosofa e scrittrice Michela Marzano farà un intervento a partire dal suo nuovo romanzo “Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa” (Rizzoli, 2023). Quante sfumature diamo alla parola “consenso”? Quando possiamo essere sicuri che un “sì” non nasconda un’esitazione? Anna, la protagonista del libro, cerca colpevoli, ma non è sicura di potersi definire una vittima. Michela Marzano invita i lettori a ragionare insieme con la curiosità e l’intelligenza che contraddistinguono la sua scrittura, in un romanzo che riflette sulle zone grigie e sull’ambiguità del rapporto che abbiamo con gli altri e con il nostro corpo.

Giovedì 14 marzo l’ospite dell’ultimo incontro sarà la giovanissima Rokia, la scrittrice italiana di origine marocchina che ha conquistato milioni di lettori su Wattpad con lo pseudonimo Clarine Jay e che, con il romanzo “The Truth Untold, la verità nascosta”, è stata tra i casi letterari dello scorso anno, con 20mila copie vendute in una settimana e il terzo posto in classifica. Nel suo nuovo libro “Sindrome” (Magazzini Salani, 2023) ci racconteràcome l’amore ha il potere di ricucire un cuore che sanguina.

Tutti gli incontri si svolgeranno alle ore 17.30 nella Sala Ferri di Palazzo Strozzi a Firenze (Piazza degli Strozzi).
 Ingresso libero fino ad esaurimento posti.