Mobile nav

Margherita Guidacci (Firenze 1921 - Roma 1992)

Firma Margherita Guidacci

Contenuto del Fondo: Margherita Guidacci è rimasta fedele alla volontà di tutelare l’intimità del proprio laboratorio di scrittura, intenzione che aveva manifestato dichiarando di volersi far “saltare i ponti alle spalle”, l’archivio privato della scrittrice risulta quindi, in coerenza con l’impegno preso con se stessa, quasi del tutto privo delle redazioni intermedie dei testi che hanno condotto alla versione licenziata dalla stampa, ma conserva tuttavia una sostanziosa quantità di appunti preparatori e di abbozzi, di stesure relative alle prime fasi di lavorazione di intere raccolte o di singoli componimenti poetici: numerosi sono i dattiloscritti con testi e appunti per poesie, saggi, traduzioni, articoli e recensioni; come pure stesure di poesie, testi delle traduzioni, di racconti e abbozzi giovanili in prosa e di articoli e saggi si trovano in una fitta collezione di quaderni, insieme a note personali e di studio, resoconti di viaggio, pagine di diario, minute di lettere; sono presenti inoltre ritagli, fotocopie e estratti di articoli di e su Margherita Guidacci, un nucleo di carteggi a lei indirizzati (la sostanziale povertà della sezione della corrispondenza fa presumere che anche su questa serie la scrittrice abbia esercitato una programmatica attività di selezione), copia della tesi di laurea su Ungaretti discussa con Giuseppe De Robertis nel 1943, autopresentazioni e curricula. Accanto alle carte con lettere e manoscritti si conserva anche una consistente raccolta di fotografie personali e di famiglia. Al Fondo donato dagli eredi della scrittrice si sono aggiunti un nucleo di carte consegnate da Anna Ninci Meucci (con circa 40 lettere a lei indirizzate dalla Guidacci e altri documenti relativi a quest’ultima) e la donazione dei parenti di Tiziano Minarelli giornalista bolognese amico e corrispondente della Guidacci, che ha custodito i testi che la poetessa gli sottoponeva in lettura e il carteggio scambiato tra i due nel corso degli anni ‘80 (vi si trova sia la corrispondenza ricevuta da Minarelli che – in copia – le risposte di quest’ultimo).

Strumenti di ricerca: inventario dattiloscritto scaricabile in formato pdf.